Impresa e Coronavirus, lo studio di Cribis evidenzia le conseguenze della crisi su impresa e liquidità

Le prospettive dell’economia italiana sono ancora avvolte da un rilevante grado di incertezza, connesso alle dinamiche della diffusione del Coronavirus. Le difficoltà economiche causate della crisi sanitaria del Covid-19 saranno infatti di una dimensione mai vista in precedenza in Italia.
L’impatto settoriale della crisi sarà fortemente diversificato, a causa delle differenti durate delle chiusure finora disposte, delle diverse possibilità di fronteggiare le esigenze sanitarie di distanziamento inter-personale e dei vincoli alla ripresa di alcune attività economiche.
Cribis, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle informazioni commerciali su aziende italiane ed estere, ha scelto di sviluppare, data la singolarità del momento, un modello di stima dell’impatto che ogni impresa sta affrontando.
Le analisi per determinare l’impatto dato dalla crisi sono state svolte utilizzando indicatori forward-looking basati sui dati finanziari, rielaborati sulla base di elementi macroeconomici valutati a seguito dell’emergenza COVID-19. Il modello definito, considera una graduale ripresa della produttività a partire dai mesi di Maggio-Giugno.
In questo modo è stato possibile definire settori e filiere più colpiti dalla crisi e stimare l’ulteriore fabbisogno di liquidità delle imprese a seguito del lock down.
Dall’analisi è emerso che ci sono realtà (come Logistica) che in un arco di 3-6 mesi post riapertura potranno tornare in un contesto operativo e finanziario comparabile alla situazione pre crisi e realtà (come Turismo, Costruzioni, Meccanica) che a 12 mesi dalla riapertura continueranno ad operare in un contesto di domanda e offerta fortemente ridimensionato.
Ci sono poi, settori non colpiti dall’emergenza o con impatti marginali che di fatto si mantengono in un quadro di performance ‘’normali’’.
L’emergenza sanitaria ha generato un periodo di forte discontinuità e incertezza. Per questa ragione è ancora più importante prestare attenzione alla situazione dei propri clienti e fornitori per tutelare il proprio business ed evitare in via preventiva situazioni di mancato pagamento. Chiaramente, non tutto è evitabile; tuttavia, una buona strategia di prevenzione ed un’oculata selezione del portafoglio clienti assicura maggiore stabilità in un momento di grande incertezza e difficoltà come quella che stiamo vivendo.

Per altre informazioni, consulta il sito www.studioptf.it