Articoli

Istituita la procedura del sequestro conservativo su conti bancari al fine di facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale.

Per facilitare il recupero dei crediti civili e commerciali in tutta l’Europa, si è pensato ad una procedura d’urgenza. Attraverso la medesima, sarà possibile procedere al sequestro delle somme detenute sui conti correnti dei debitori situati in un altro Stato, purché all’interno dell’Unione Europea.

Il creditore, infatti, potrà seguire una procedura diversa dal processo ordinario. Potrà rivolgersi al giudice del proprio Stato per ottenere l’emissione di un’ordinanza europea, in modo da bloccare i conti correnti presenti in qualsiasi Paese dell’Unione, per soddisfare il credito.

Questa ordinanza viene emessa in via cautelare, preliminarmente all’avvio della causa di merito.

L’iter che ha portato alla modifica della procedura di recupero crediti si base sul decreto legislativo emesso ai sensi dell’art. 5 della legge 4 ottobre 2019, n. 117.

Esso, è stato già approvato dal Consiglio dei ministri e attualmente all’esame delle Commissioni parlamentari.

L’Italia è in netto ritardo nell’attuazione della normativa europea dettata dal Regolamento UE n. 655/2014, che avrebbe consentito già da tempo l’accesso a questa procedura.

Con la nuova ordinanza europea, il creditore, per soddisfare la propria pretesa, potrà avvalersi del sequestro conservativo delle somme depositate sui conti correnti del debitore.

La ricerca delle informazioni dei conti correnti del debitore sarà svolta con modalità telematiche. Essa, dovrà essere richiesta al giudice del Tribunale competente a provvedere in relazione al luogo in cui il debitore ha residenza, domicilio, dimora o sede. Il debitore, da canto suo, potrà difendersi con le regole ordinarie previste per l‘opposizione ai provvedimenti cautelari.

Per altre informazioni, consulta il sito www.studioptf.it

Recupero crediti PA, come effettuare un recupero crediti efficace e professionale

Il tema del recupero dei crediti della pubblica amministrazione e degli enti locali è estremamente delicato e complesso.
Purtroppo, non sempre gli enti locali dispongono delle risorse necessarie per attuare una gestione efficace della morosità accertata.
Inoltre, nel caso delle PA, l’inadempiente è al contempo un cittadino-utente, pertanto è doveroso da parte delle istituzioni conservare un rapporto, sperimentando attività di contatto diretto per una sensibilizzazione al pagamento del dovuto.
Non sempre chi non paga è un evasore per scelta. Spesso il mancato pagamento è dettato da problematiche di natura finanziaria, di fronte alle quali una famiglia si vede costretta a percorrere la strada più comoda, quella dell’inadempienza.
Quando invece, al posto della fredda comunicazione scritta, un cittadino si trova di fronte professionisti aperti all’ascolto e disposti a concordare modalità di pagamento in linea con le sue capacità economiche, è più probabile che il suo orientamento cambi.
Così la PA raccoglierà un duplice risultato: l’incasso e la conservazione delle relazioni umane.
Ci saranno, poi, insolventi cronici, per i quali dopo aver dimostrato attraverso una fase stragiudiziale la disponibilità al dialogo, diventa doveroso e condiviso il passaggio alle procedure coattive.
Studio PTF, in qualità di consulente del credito, offre un servizio qualificato di customer care facilitando il dialogo verso il cittadino e mettendo in gioco le proprie competenze di relazione negoziale sul privato, supportando la Pubblica amministrazione dove la riscossione fallisce.
Le percentuali di recuperato sono certamente più elevate: un recupero stragiudiziale gestito da una società ben strutturata ed esperta del comparto Enti può garantire e, talvolta superare, anche il 60% di recuperato sull’affidato.

Per altre informazioni, consulta il sito www.studioptf.it

Come il monitoraggio dei partner commerciali ti aiuta a prevenire rischi e a tutelare il proprio business

Quando gli affari procedono bene, i fornitori sono puntuali e anche i clienti pagano i propri debiti nei termini, l’attenzione è spostata verso altri fattori e il livello di preoccupazione è fisiologicamente più basso.
L’esperienza insegna, però, che un cliente\fornitore affidabile oggi potrebbe non esserlo più domani.
Un monitoraggio continuo dei propri clienti e fornitori è certamente un metodo per prevenire rischi e tutelare i propri crediti.
Il monitoraggio permette di restare aggiornati continuamente su ogni evento negativo o comunque su qualsiasi modifica dell’assetto organizzativo delle imprese osservate per poter prevenire eventuali mancati pagamenti o richiedere differenti metodi e tempistiche di pagamento, nel caso di clienti, e valutare nuove opzioni e potenziali nuovi fornitori, nel caso in cui i segnali dal proprio fornitore principale non sia ben auguranti.
Il monitoraggio dei propri clienti e fornitori e la valutazione del rischio di credito dovrebbero essere attività fondamentali per limitare crediti in sofferenza.
Le società specializzate in informazioni commerciali sono infatti in grado di tenere monitorati costantemente, tramite diversi database pubblici e informazioni investigate, i partner presenti in un determinato portafoglio comunicando in poco tempo tutte le modifiche che possono avvenire in Camera di Commercio e gli eventi negativi relativi a protesti e procedure concorsuali in chiaro o ad eventi pregiudizievoli legati ad eventuali pignoramenti.
Hai bisogno di monitorare le variabili che possono modificare il livello di affidabilità del tuo partner d’affari?
Grazie alla licenza investigativa, Studio Ptf garantisce un controllo sistematico e una visione aggiornata e approfondita di ogni tuo cliente, nel rispetto dell’etica e degli interessi di ogni azienda nel preservare le proprie relazioni con clienti e fornitori.

Per altre informazioni, consulta il sito www.studioptf.it

L’Italia si prepara alla fine del lock-down e alla riapertura graduale delle attività lavorative con la “fase due”.

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile, le agenzie di recupero crediti, informazioni commerciali ed investigazioni potranno riprendere l’attività dal 4 maggio 2020, tenendo conto delle misure di contenimento necessarie per operare in sicurezza.
Agenzie di recupero crediti, il via del decreto
Le disposizioni contenute nel DPCM saranno valide dal 4 fino al 18 maggio.
Possono dunque operare tutti i codici Ateco riportati nell’allegato 3 del documento. Tra questi troviamo il codice 82, che indica attività di supporto per le funzioni di ufficio e supporto alle imprese: ciò include anche le attività di agenzie di recupero crediti e informazioni commerciali.
Misure di sicurezza
Per poter riprendere l’attività le imprese autorizzate dovranno adottare delle misure per il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro, quindi attenersi scrupolosamente a quanto riportato nell’allegato 6 del DPCM, che contiene linee guida per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio in quanto l’avvio o la prosecuzione delle attività produttive può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione.

Per altre informazioni, consulta il sito www.studioptf.it

Recupero crediti ed emozioni: ecco perché è fondamentale affidarsi a professionisti del settore.

Quando si è nella condizione di dover recuperare un credito, si può andare incontro a diverse difficoltà se non si sa come gestire in modo oculato, efficace ed attento il recupero crediti. Uno dei rischi più importanti, in queste circostanze, è quello di farsi prendere dalle emozioni, compromettendo così il proprio giudizio.
Un imprenditore che si lascia coinvolgere dal proprio stato d’animo nel corso di un’azione recuperativa, infatti, non dispone della lucidità e della concentrazione necessarie per agire con tempestività, intelligenza e velocità per ottenere un recupero crediti davvero efficace.
Frustrazione, rabbia, ansia ed insoddisfazione sono sicuramente emozioni giustificate in una situazione di mancato pagamento, ma è importante capire che non sono funzionali a risolvere la situazione nella maniera più proficua. Anzi, in molti casi, tali emozioni rischiano addirittura di peggiorare le cose.
Alla luce di ciò, bisogna considerare l’aiuto di professionisti del settore, capaci di garantire un approccio neutrale e professionale per la risoluzione del credito.
Si tratta di una scelta vincente sotto molti aspetti.
Innanzitutto, quando è un professionista del recupero crediti a contattare un insolvente, la situazione ha maggiori probabilità di risolversi in modo pacato e tempestivo: solo un professionista, infatti, dispone degli strumenti e delle strategie atte a rintracciare il debitore e a comunicare con efficacia l’azione da intraprendere.

La lucidità che deriva dall’essere estraneo al rapporto e la competenza sono elementi che giocano sicuramente a favore del buon esito di una vertenza.
Una modalità di comunicazione pacata e al tempo stesso consapevole dei possibili scenari che si possono configurare, fanno la differenza con chi, personalmente e direttamente coinvolto, può essere annebbiato e caricato di emotività e per questo rendere più faticoso e pesante il recupero di un credito che nasce e contiene, per definizione, delle criticità.

Un recupero crediti professionale, dunque, permette di affrontare il credito insoluto con la lucidità necessaria e, fungendo da parte neutra, permette di attuare attraverso trasparenza, preparazione ed esperienza, la giusta strategia a seconda delle circostanze.
Se hai un credito da recuperare, affidati a Studio PTF: abbiamo le competenze e l’esperienza di cui hai bisogno per un recupero efficace del tuo credito, che tuteli la tua impresa e le relazioni con i tuoi clienti.

Il tuo cliente non paga? Scopri come risolvere l’inconveniente in modo pratico, veloce e sereno con i professionisti del recupero credito

‘‘La nostra impresa ha lavorato, venduto o prestato servizi e vuole incassare il denaro che le spetta”.

Si tratta di un’affermazione assai meno banale di quanto possa apparire a prima vista.

Gestire le fatture e recuperare i crediti in tempo è complicato e noioso. Il recupero crediti è un’attività complessa ed è sempre preferibile agire rapidamente e con l’aiuto di un partner qualificato ed esperto, capace di interfacciarsi con il debitore con abilità al fine di ottenere il pagamento di quanto dovuto. Si tratta di un’attività che richiede tempo e dedizione, e maggiore è il tempo che si lascia passare senza agire, più lontane si fanno le possibilità di recuperare il credito.
Cosa puoi fare prima di passare tutto al recupero crediti?
-Inviare la fattura. Una volta che l’ordine è evaso, è necessario spedire la fattura completa, corretta e ben formulata: quanto prima il cliente ha la fattura quanto prima possibile elabora il pagamento.
-Sequenza di controllo. Assicurarsi che il cliente abbia ricevuto la fattura per garantire il pagamento tempestivo o ricordare al cliente la data e le modalità di pagamento.

A questo punto se il cliente continua ad essere insolvente, la scelta di affidarsi a una società esterna per questa attività è sempre la migliore perché significa affidarsi a chi professionalmente svolge questo lavoro ed ha una specializzazione maggiore e una conoscenza approfondita della questione.
Studio Ptf è un’agenzia specializzata, organizzata allo scopo di gestire con competenza l’intero processo di recupero. Quando si tratta della gestione fatture, la maggior parte delle aziende si affida ad impiegati che non hanno il tempo di concentrarsi sulle attività direttamente associate al sollecito di fatture. In presenza di crediti insoluti l’intervento di un ufficio recupero crediti risulta molto più efficace di un’azione a volte improvvisata messa in atto dallo stesso creditore, o dagli impiegati. Vanno assolutamente evitate mosse improvvisate o solleciti “fai da te” che, oltre a non portare ad una risoluzione, spesso rischiano di rendere ancora più difficile il recupero del credito. Inoltre quando si tratta di ottenere un credito da clienti che non hanno pagato le fatture, la velocità diventa un fattore fondamentale. Più la reazione è tempestiva e mirata, infatti, più sono le possibilità che il credito venga recuperato.
Per recuperare i tuoi crediti, affidati a Studio Ptf.

Informazioni commerciali, come tutelarsi valutando i propri rapporti commerciali

Che si tratti di una piccola start-up o di una grande impresa, oggi la possibilità di valutare correttamente l’affidabilità di un cliente o di un partner aziendale è una vera e propria necessità. Per affrontare il mercato nel migliore dei modi, infatti, molte aziende sentono la necessità di trovare dei partner per rinforzare le proprie risorse finanziarie ma anche per diversificare e migliorare il prodotto aziendale.
Tuttavia, è fondamentale saper valutare con molta attenzione il futuro partner o cliente che si desidera acquisire, per proteggere il proprio credito ed il valore del proprio lavoro dai rischi di insolvenza.

Per fare ciò, è importante conoscere in maniera approfondita la situazione patrimoniale, economica e finanziaria di eventuali fornitori o partner commerciali.

Il tempo ed il denaro spesi per ottenere queste informazioni, che devono poi essere incrociate, analizzate ed interpretate, possono essere ottimizzati grazie alle informazioni commerciali.
Si tratta, in breve, di rapporti informativi che prendono in esame diversi aspetti e sono utili per consentire alle imprese di lavorare insieme, evitando il rischio di insolvenza ma senza perdere preziose opportunità commerciali.
Grazie alle informazioni commerciali, è possibile valutare l’affidabilità di un’impresa ed il suo andamento nel corso del tempo, così da avere una panoramica utile a garantire alla propria impresa maggiori opportunità commerciali e massimi profitti senza il rischio costante di insolvenza.

Per le tue informazioni commerciali, affidati ad un’agenzia professionale e competente.
Grazie ad uno staff competente e dai tempi rapidi, Studio PTF opera con successo per realizzare, in ogni circostanza, l’iter a tutela del credito più adatto allo sviluppo del business del cliente ed alla gestione attenta ed affidabile dei rapporti commerciali dell’impresa.
Hai bisogno di una consulenza? Contattaci ora.

Informazioni commerciali: uno strumento indispensabile per valutare i propri partner e fornitori.

La concessione di un credito ha sempre un margine di rischio per un’azienda, e può portare a situazioni piuttosto complicate.

Non sono poche le imprese che hanno dovuto confrontarsi con un credito di difficile incasso, e imparare a tutelarsi da inconvenienti come questo, prima che accadano, è la scelta migliore per difendere il proprio business.

Le informazioni commerciali sono uno strumento utile per conoscere la solvibilità e l’affidabilità commerciale, economica, patrimoniale e finanziaria di una persona, fisica o giuridica. Attraverso le informazioni commerciali, infatti, è possibile conoscere nel dettaglio la situazione patrimoniale di un partner o di un fornitore, in modo da avere i mezzi e la preparazione necessari per tutelare il proprio business in ogni circostanza.

In situazioni in cui il credito risulta incagliato o in sofferenza, molto dipende dalla tempestività di intervento della società di recupero crediti cui ci si affida, ma anche dalle informazioni commerciali circa il debitore. Tanto più queste informazioni risulteranno aggiornate, affidabili e veritiere, tanto più elevata sarà la possibilità di recuperare il credito senza dover ricorrere a spese legali o ad iter lunghi e logoranti.

Studio PTF, grazie alla licenza investigativa, fornisce tutte le informazioni commerciali di cui la tua impresa ha bisogno, e si avvale di un Credit Analist che, valutando i dati raccolti, consiglia la migliore soluzione con il minimo costo in termini di tempo e denaro.

Affidati ai professionisti del recupero credito: riduci i rischi, gestisci meglio i tuoi rapporti commerciali e tutela il tuo business!